la nascita di un bambino è un radicale cambiamento di vita, i consigli del dr. Alberto Ferrando

Cosa vuol dire diventare genitori

Diventare mamme e papà con la nascita di un bambino è un radicale cambiamento di vita. Amici, vicini e parenti possono essere molto utili ai neogenitori in questa fase. Cercate sempre di creare un contesto familiare favorevole e sereno.

Alle volte la neomamma si trova sola o circondata da familiare che criticano e giudicano le sue azioni. Per gestire al meglio questa situazione che ha inevitabili effetti negativi, ricordate sempre che avete nutrito, cresciuto e protetto il vostro bambino per 9 mesi. Avete già creato un legame, già vi conoscete e nessun altro, né medico, né parente, può sostituire questo legame unico tra mamma e bambino.

Prima di lasciarvi un breve decalogo adatto alle donne che diventano (o ridiventano) mamme mi preme dire che la mamma non si deve fare carico eccessivo del bambino. Quando è stanca o si sente sola è consigliabile che parli con il proprio partner, con un’amica o un parente. Non deve mai temere di rivelare le proprie paure, anzi bisogna trovare il coraggio di ammettere le proprie paure e di confidarle.

Decalogo per affrontare al meglio la genitorialità

Fatta questa breve premessa ecco un decalogo della sopravvivenza, che trovate anche nel mio libro “Mio Figlio – I dubbi dei genitori, le risposte del pediatra”, per affrontare al meglio la nuova sfida:

  1. la mamma ha sempre ragione, non la nonna, la vicina, il pediatra, l’infermiere ecc..: vostro figlio è unico
  2. mamma e papà devono parlarsi e allearsi tra loro
  3. i nonni sono una grande risorsa soprattutto con regole chiare e rispetto reciproco
  4. amici, parenti, conoscenti e vicini: avvisateli che sarete voi ad avvisarli
  5. il neonato potrebbe voler mangiare ogni due ore, assecondatelo e spegnete il telefono suonerà sempre nel peggior momento
  6. al neonato non interessano i bacini sulle manine e sui piedini da estranei. Più gente lo tocca più crescono le possibilità di ammalarsi
  7. uscire tanto da casa, appena si può, appena ce la si fa. Più si esce meglio starà il bebè e anche la mamma
  8. farsi aiutare. Diventare mamma vuol dire avere molto più lavoro di prima, se è possibile date la gestione della casa “in appalto” a nonni, amici, marito, compagno
  9. essere mamma non vuol dire stare sempre e solo con il neonato: importante cercare di ritagliarsi degli spazi, anche brevi. All’inizio è difficile ma pian piano bisogna cercare di imporselo.
  10. dedicare tempo anche per la coppia: i genitori che hanno bisogno l’uno dell’altro fanno il bene del bambino. Le coccole sono un toccasana non solo per il bebè ma anche per mamma e papà